News 2019 PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Saturday, 12 January 2019 09:34

N e w s 2 0 1 9

___________________

 

31 agosto 2019 - esibizione AL TRAMONTO DI FINE ESTATE 2019

CLAUDIO STEA IN CONCERTO

Immersi nella bellezza esclusiva del Lido Cala San Giovanni, a Polignano a Mare,

ove la spiaggia dorata e il mare cristallino incontrano spettacolari grotte naturali,

imperdibile sarà l’appuntamento speciale col“Concerto al Tramonto di Fine Estate”.

Sabato 31 agosto 2019, il noto compositore per pianoforte,

Claudio Stea, perla emergente nel panorama della grande musica contemporanea,

orgoglio della sua terra natia barese,avvolgerà il suo amato pubblico

col calore delle emozioni che sprigionano le sue composizioni.

Appassionate, delicate e struggenti insieme, saranno incorniciate

dal fantastico e suggestivo tramonto che ogni giorno silenziosamente

rende omaggio alla meraviglia della vita.

Come un pittore dipinge sulla tela,

così Claudio Stea delizierà con le sue colorate sfumature sonore

le corde del nostro cuore,facendole vibrare con la valente

collaborazione di Marilù Di Modugno, le cui note melodiose del violino

susciteranno trepidazione, romanticismo e dolcezza estrema.

La grintosa chitarra di Dino Simone vivacizzerà l’atmosfera

con i suoi assoli energicied il basso suonato con abile maestria

da Claudio Signorile,unitamente al brioso fascino del ritmo latin-rock

dell’esperto batterista venezuelano Corrado Ferrareis

scandiranno alcune delle armoniose creazioni di Claudio Stea,

tratte dal suo nuovo disco “Raggi di Luna”.

Ogni brano sarà introdotto da brevi letture poetiche.

L’Evento sarà impreziosito dalla prestigiosa presenza

del famosissimo Giuseppe “padre” Cionfoli,

apprezzatissimo cantautore italiano che si esibirà

in esclusiva con Claudio Stea,

reinterpretando due celebri indimenticabili canzoni

del suo ampio repertorio musicale,

ricco di testi profondi e poetici, praticamente unici.


SamomusicProductions - staff - Maria Luisa Belfiore

_____________________


1 luglio 2019 - esibizione at MUSEUM OF THE MOON

CLAUDIO STEA IN CONCERTO

RAGGI DI LUNA

POLITECNICO DI BARI

_______________________

Giugno 2019 - esibizione Raggi di luna a Roma

___________________________________

Lunedi 30 maggio 2019

presentazione di alcuni brani al pianoforte presso il

Circolo Tennis Bari


___________________

Cl audio Stea  - L ' I  N T E R V I S T A

una personalissima chiacchierata sulla vita musicale del compositore barese

a cura della  s p e a k e r  di RadioNorba Alessia Martino

________________________________

Lunedi 15 Aprile 2019

PRESENTAZIONE UFFICIALE del singolo

"ILLUSIONI LUNARI  "


_________________________

22 febbraio 2019 PRESENTAZIONE UFFICIALE del singolo

"NUVOLE SU FATIMA "

 

"NUVOLE SU FATIMA "  la genesi

_________________________

02. 2019

PRESENTAZIONE DISCO RAGGI DI LUNA presso Teleregione (Puglia)

_________________________

01. 2019

PRESENTAZIONE UFFICIALE del singolo

" LIFE ON MOON "

girato a Tokyo

_________________________

01. 2019

PRESENTAZIONE UFFICIALE del disco presso l'Auditorium Santarella di BARI  "

_________________________

PRESENTAZIONE UFFICIALE RADIO BARI CANALE100

________________________

Domenica 27 gennaio 2019

PRESENTAZIONE UFFICIALE AL PIANO DEL NUOVO DISCO

"RAGGI DI LUNA"

PRESSO LA FELTRINELLI   di   BARI


 

Chiunque sia interessato ad avere una copia del disco RAGGI DI LUNA può inviare

una mail di richiesta all'etichetta discografica This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

_________________________

 

 

Recensione sul disco di Siria Cavallo

La stanza di un palazzo nobiliare immersa nella penombra, una timida luce che filtra attraverso le tende di una finestra davanti

a cui si stagliano le sagome di un pianoforte a coda e del suo esecutore, lo sguardo del musicista puntato oltre la cortina che

lo separa dall’esterno nel tentativo di catturare immagini a cui dare forma attraverso i tasti bianchi e neri su cui poggiano le mani.

È così che si presenta la copertina di Raggi di Luna , il quarto disco del compositore per pianoforte Claudio Stea, edito con

l’etichetta discografica SamomusicProductions. E se copertina e titolo scelti per un disco funzionano come suoi “biglietti da visita”,

ha già tanto da raccontarci quanto possiamo vedere – prima ancora che ascoltare – dell’ultimo lavoro del musicista pugliese.

È dove il giorno cede il passo a chiarori che rischiarano le notti più buie, dove tutto assume contorni più incerti e meno definiti:

è lì che vuole proiettarci l’album di Stea. In una dimensione intima che si stacca dalla realtà per aprirsi a sogni e

suggestioni da confessare solo alla notte.

Raggi di Luna non come nome e al tempo stesso title track del disco ma come gli 11 brani che compongono la sua ossatura:

11 “raggi di luna”, appunto, a cui la musica di Claudio Stea da consistenza e voce.

Il musicista ci invita ad entrare nel suo mondo di ombre e riflessi, ci prende per mano per farci affacciare oltre

la finestra che è alle sue spalle, a rivolgere lo sguardo “Tra le stelle” e le “Illusioni lunari”.

È la sua musica a guidarci e ad indicarci dove guardare per trovare i suoi “raggi di luna”.

Ogni brano racchiude storie ed immagini, e non servono parole che le raccontino.

È sufficiente ascoltare il suono del pianoforte, in alcune tracce arricchito dalle chitarre di

Dino Simone, per vedere e sentire quanto Stea ha voglia di mostrarci tra sensazioni, visioni e ricordi.

Riusciamo persino a riconoscere Lilou, la ballerina a cui il musicista dedica la nona traccia

– “Il ballo di Lilou”. È come se ce la ritrovassimo davanti mentre si impegna, tenta, riprova

e cade per poi rialzarsi e sbocciare come un cigno che volteggia leggero.

Undici brani in cui si avverte chiara la vena creativa di quel ragazzo,

insofferente alle rigidità dell’accademismo, che sin da giovanissimo voleva realizzare qualcosa di tutto suo.

Si sente forte la sua urgenza espressiva, quella che da adulto lo ha riportato a una strada che per lui era già segnata

da tempo: la composizione.

La musica di Stea non suona imbrigliata in schemi predefiniti, si espande libera. Il background e la formazione

classica fanno da base a spunti e intuizioni originali e personali. Ai “sacri” riferimenti della tradizione pianistica

si alternano e bilanciano modelli più contemporanei e moderni. Ne risulta un sound fresco e convincente dalle

molteplici sfumature. Ora delicato, ora potente ed energico.

Tra le 11 tracce di Raggi di luna si distinguono in particolare la raffinatezza di brani come Long long time ago”,

Luce nella notte” e “Grace su Venere”. I guizzi stilistici di “Illusioni lunari”, “Cento anni sulla luna”,

Universo” e “Il ballo di Lilou. E se il Duca Bianco ci ha cantato la sua “Life on Mars?”,

Claudio Stea in Raggi di luna ci fa ascoltare invece la sua “Life on Moon”.

Ma tra i brani del disco troviamo anche pezzi che suonano come piccoli “omaggi”. Come la vivacità di

Le stelle del draghetto” che ci riporta alla memoria melodie da videogames anni ‘80/‘90. Curioso anche che

l’album si apra con “Tra le stelle” per chiudersi con “Aurora su Marte”: tra i 2 brani, a fare da collante, il ruggito

di una chitarra che pare strizzare l’occhio alla grande scuola di Brian May.

Un antico proverbio recita: “il giorno ha occhi, la notte orecchie”. Tendiamole allora per ascoltare i raggi di luna

che Claudio Stea ha voluto immortalare con la musica del suo fidato pianoforte.

L’album è disponibile negli store fisici e digitali e sulle principali piattaforme streaming.

Di seguito la tracklist del disco:

1.Tra le stelle

2.Illusioni lunari

3.Luce nella notte

4. Long long time ago

5. Life on moon

6. Cento anni sulla luna

7. Universo

8. Grace su Venere,

9. Il ballo di Lilou

10. Le stelle del draghetto

11. Aurora su Marte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

______________________________________________________________________

 

Claudio Stea all rights reserved copyright © 2019

Last Updated on Friday, 30 August 2019 22:29